... / Proprietà tecniche / Aspetto visivo / Coefficiente di retro-riflessione

Coefficiente di retro-riflessione

Retro reflection coefficient

Retro reflection factor

Il coefficiente di retro-riflessione – un nuovo fattore
I metodi comunemente usati (riflessione leggera e diffusione leggera) non spiega in toto l’esperienza della superficie di un controsoffitto. Il coefficiente di retro-riflessione aiuta a completare il quadro generale. Questo fattore deriva da un metodo sviluppato per misurare le strisce verniciate sulle strade; quanta luce che viene riflessa verso chi guida quando si sta viaggiando su una strada buia con le luci accese. Questo fattore è descritto dallo standard EN 1436. La figura in alto mostra questa impostazione. Se capovolgiamo quest’impostazione (figura in basso), possiamo usare lo stesso standard per descrivere il fenomeno della luce nella superficie di un controsoffitto, un qualcosa che in passato potevamo percepire, ma non misurare e determinare. L'unità del coefficiente di retro riflessione è mcd*m-2lx-1. I valori misurati su questo tipo di superfici verniciate varia da 0 a 120, dove il valore basso è inferiore a 50, quello alto è superiore a 70 ed un valore ottimane è intorno a 60.
Light from behind you Light from in front of you
Luce proveniente dalle tue spalle Luce proveniente di fronte
Il coefficiente di retro-illuminazione – adattato alle superfici dei controsoffitti
L’illustrazione a sinistra mostra come il metodo per determinare il fattore di retro riflessione è stato adattato al controsoffitto di una stanza, dove la luce incontra il soffitto a basse angolazioni. Le due illustrazioni in alto mostrano il modo in cui l'osservatore si colloca rispetto alla luce in entrata e mentre guarda la superficie del controsoffitto.
 
Se la superficie ha un coefficiente di retro-riflessione basso (<60), apparirà più scura nella figura a sinistra che a destra, dove la luce riflessa apparirà come un bagliore. Se la superficie ha un coefficiente di retro riflessione (>60) la superficie nell'illustrazione a sinistra sembrerà molto luminosa, ma se la si vedrà dall'altra angolazione (destra) sembrerà scura. In entrambe le situazioni, con un coefficiente di retro riflessione basso ed alto, il modo in cui appare la superficie è molto diverso a seconda degli spostamenti nella stanza. MA se la superficie ha un coefficiente di retro riflessione ottimale (intorno a 60), ci sarà un bilanciamento tra la luce retro-riflessa e quella che attraversa la stanza - la superficie avrà lo stesso aspetto in entrambe le illustrazioni.
    

Coefficiente di retro-riflessione       Coefficiente di retro-riflessione  ottimale                                            basso

Un altro vantaggio di un coefficiente di retro riflessione ottimale o alto è che non catturerà i colori dall'esterno o dalle pareti; ha un'integrità visiva.