Densità e partizioni: le chiavi per un buon ufficio open space

Un recente sondaggio mostra che gli uffici privati sono la tipologia di ambiente di lavoro meno apprezzata. L'ufficio paesaggistico, una sorta di ufficio a pianta aperta, si è rivelato la tipologia preferita. Tale risultato ha sorpreso Nigel Oseland, lo psicologo britannico e consulente del lavoro che ha realizzato il sondaggio. “Questo dimostra che gli uffici open space non sono male di per sé. Abbiamo buoni e cattivi progetti open space. "

Interviste degli esperti Uffici

Nigel Oseland è un forte sostenitore della Bürolandschaft, o ufficio paesaggistico. È un spazio di lavoro basato su una pianta aperta ma progettato come un paesaggio con aree semi-private più piccole, alcune suddivisioni tra cui piantare, baccelli silenziosi, spazi per le pause e così via. Il sondaggio conferma la sua convinzione riguardo all'ufficio paesaggistico.

Nigel_250px.jpg“E' possibile fare un paragone con l'efficienza energetica. Non puoi risparmiare sui costi semplicemente spegnendo il riscaldamento, la ventilazione e le luci. I costi energetici saranno naturalmente minimi. Ma le persone non saranno in grado di lavorare in modo efficiente, quindi non è fattibile. Ciò per cui il facility manager si impegna è trovare il punto ottimale in cui lo spazio di lavoro è abbastanza confortevole da supportare la produttività delle persone al minor costo. È esattamente lo stesso con lo spazio. E' dunque importante trovare i punti deboli e di forza".

Due variabili chiave per la qualità percepita

La progettazione degli spazi di lavoro copre un ampio spettro, con open space da un lato e uffici privati ​​dall'altro. Nigel Oseland sottolinea due variabili chiave che determinano la qualità percepita negli spazi di lavoro: densità e partizioni.

 

“Nel corso degli anni numerosi articoli sui media, ci hanno raccontato quanto siano orribili gli uffici open space. Abbiamo sentito che non sono utili; sono stati descritti come tossici e poco salutari. Penso che i media si riferiscano a spazi open space mal pianificati con alta densità e scarsa partizione. Ma i sondaggi mostrano che gli open space non sono peggiori di qualsiasi altro ambiente. Dipende tutto da come sono progettati per quanto riguarda densità e partizioni. E questo a sua volta è correlato ai costi. "

 

Il problema, secondo Oseland, è che il termine ufficio open space è stato dirottato sul concetto di spazi aperti ad alta densità con file di scrivanie, dove i responsabili degli uffici cercano di coinvolgere quante più persone possibile per risparmiare sui costi degli uffici.

format_quote

I sondaggi non mostrano l'open plan come lo spazo peggiore rispetto a qualsiasi altro ambiente. Dipende tutto da come è progettato, per quanto riguarda densità e partizioni.

La necessità degli spazi

“Quello che viene trascurato è che lo spazio rappresenta il nostro migliore amico. In questi giorni di pandemia è ovvio: abbiamo bisogno di spazio per ridurre al minimo l'infezione. Lo stesso vale per il suono, la qualità dell'aria e la capacità di concentrazione; lo spazio è necessario. Tutto si riduce a densità e partizioni ".

Ma i costi di per sé, non rappresentano un argomento razionale contro l'investimento in un design differenziato di spazi di lavoro, che siano adatti sia a personalità estroverse che introverse.

"Abbiamo solo bisogno di un miglioramento del 5% delle nostre prestazioni per pagare i nostri edifici", afferma Nigel Oseland.

I Manager preferiscono la codnivisione delle postazioni

La metà degli intervistati che ha preso parte al sondaggio erano manager, il che rende Nigel Oseland ancora più sorpreso dell'impopolarità degli uffici privati.

“In realtà, i manager preferiscono meno gli uffici privati. Preferiscono il lavoro agile e la condivisione della scrivania, mentre il personale amministrativo e di supporto non ama assolutamente la condivisione della postazione. Necessitano di una postazione personale. Prediligono l'ufficio paesaggistico e in una certa misura gli uffici privati. "

I ricercatori d'altra parte hanno una maggiore preferenza per l'ufficio privato.

"Non vogliono spaziaperti, ma in una certa misura accettano uffici panoramici e un lavoro agile".

Emerge che l'ufficio paesaggistico risulta lo spazio preferito, indipendentemente dal ruolo, dall'età o dalla personalità. Ecco come si posizionano le diverse tipologie di spazi di lavoro nel sondaggio:

  1. Ufficio paesaggistico.
  2. Lavoro agile/design basato sulle attività.
  3. Lavoro da casa.
  4. Uffici Open-plan.
  5. Condivisone postazione di lavoro.
  6. Uffici provati.

Diverse tipologie di open space

Il sondaggio indica che non ha senso discutere "dell'ufficio open space" come se fosse un concetto valido per tutti. L'idea dell'ufficio open space comprende diverse tipologie di design e soluzioni. La maggior parte delle soluzioni, oltre agli uffici privati, è costituita in una certa misura da spazi open space.

“Ma quando viene chiesto un parere sugli uffici open space, le persone danno un parere negativo, descrivendolo come uno spazio pieno di scrivanie senza strutture e senza partizioni. Sto cercando di usare il termine ufficio paesaggistico, o Bürolandschaft, per riferirmi a uno spazio più organico e variegato, piuttosto che un puro spazio aperto o chiuso. "

Diverse componenti

Nigel Oseland afferma che esiste un certo grado di sovrapposizione tra i diversi tipi di lavoro descritti nel sondaggio. In una certa misura descrivono funzioni e aspetti diversi piuttosto che design diversi.

“L'ufficio paesaggistico descrive gli aspetti fisici del progetto, mentre il lavoro agile o il progetto basato sulle attività è connesso al comportamento e al modo e al luogo in cui si lavora. È in parte un modo di giocare con parole diverse. Anche gli spazi di lavoro basati sulle attività e l'ufficio paesaggistico sono uffici a pianta aperta. Ma se usiamo il termine pianta aperta, le persone tendono a scoraggiarsi. Per me, la cosa più importante è offrire alle persone la possibilità di scelta e consentire loro di lavorare ovunque si sentano più produttive ".

format_quote

Abbiamo visto per anni i vantaggi di un ambiente di lavoro agile e di un ufficio con un'architettura paesaggistica. Ora è diventata una questione più urgente attuare migliori pratiche.

Più rilevanti che mai

Come ricercatore, Nigel Oseland temeva che il cambiamento delle condizioni dovute al coronavirus avrebbe reso obsoleti i risultati del sondaggio. Ma la sua conclusione è che, ora più che mai, i risultati sono più rilevanti.

“Offrire la possibilità di scelta, flessibilità, lavoro da casa e un ufficio con architettura paesaggistica a bassa densità è oggi ancora più importante di quanto lo fosse precedentemente. Spero che i responsabili degli uffici traggano la giusta conclusione dal fatto che circa il 40 per cento del personale lavorava da casa durante la pandemia: ciò rappresenta un'opportunità per abbassare la densità. Abbiamo visto per anni i vantaggi di un ambiente di lavoro agile e di un ufficio con architettura paesaggistica. Ora è diventato fondamentale".

 

 

Testo: Lars Wirtén

 


Il sondaggio Personal Office Preferences è stato condotto da Nigel Oseland, Workplace Unlimited, per conto di Herman Miller e Workplace Trends, durante la prima metà del 2019. Sono state ricevute circa 700 risposte al sondaggio da una base di 4900 destinatari.