Design biofilico – la natura a supporto di imprese e lavoratori

Il design basato sulle attività, il design incentrato sulle persone, il design basato sulla biofilia. Esistono diversi concetti e approcci per creare luoghi di lavoro piacevoli e produttivi. "In realtà vedo il design basato sulla biofilia come un ombrello generale, molto più importante di una semplice sottosezione del design incentrato sull'uomo o basato sull'attività", afferma il designer di architettura e biofilia Oliver Heath.

Persone & Design Interviste degli esperti Uffici Scuole Ambienti per la sanità

Biophilia significa amore per la natura. Spiega l'attrazione umana per la natura e il desiderio di essere dentro e circondati da essa. Il termine è stato creato dallo psicologo sociale tedesco-americano Eric Fromm e reso popolare da Edward O Wilson, un biologo americano, negli anni '80. Secondo l'idea della biofilia, abbiamo una connessione genetica con il mondo naturale da centinaia di migliaia di anni.

Fromm e Wilson hanno riconosciuto la forte reazione delle persone con la natura e, analogamente, il modo in cui gli esseri umani sono danneggiati da un ambiente troppo urbanizzato.

Oliver_Heath_250px.jpg“Questi sono luoghi con molto stress e tecnologia e, mancanza di natura. Il legame con la natura ha la capacità di ridurre lo stress e migliorare la nostra capacità di recupero. In sostanza, la biofilia è il modo e il motivo per cui amiamo stare in ambienti naturali”, afferma Oliver Heath.

Le idee sulla biofilia sono state raccolte dall'ecologista sociale americano Stephen Kellert. Ha creato un quadro di elementi da inserire negli edifici per migliorare il legame con la natura, con tre aree chiave:


1) Connessione diretta con la natura

Si tratta di avere una connessione diretta con le forme reali della natura: piante, alberi, acqua, aria fresca, movimento, animali e persino il tempo.

2) Connessione indiretta con la natura

È così che imitiamo ed evochiamo una sensazione della natura, utilizzando materiali naturali, colori, trame, motivi e diverse tecnologie.

3) La risposta umana allo spazio (esperienza dello spazio e del luogo)

È così che creiamo spazi che sono eccitanti, energizzanti e stimolanti, così come spazi che sono tranquilli e rilassanti. Gli aspetti di questo includono l'integrazione di parti in interi spazi di transizione, mobilità e orientamento.

 

“Abbiamo bisogno di tutte queste caratteristiche per creare edifici di successo. Il design biofilico riguarda la scelta di diversi modelli all'interno di queste tre aree per fornire le funzioni previste nello spazio di lavoro ", spiega Oliver Heath.

format_quote

Fondamentalmente, la biophilia rappresenta come equando amiamo stare in ambienti naturali.

Evidenze della ricerca

Dopo aver vissuto nella savana, nella foresta o in riva al mare per la maggior parte della storia dell'umanità, la società odierna si ritrova in spazi urbani, rumorosi e malsani. L'idea della biofilia è quella di introdurre la natura come mezzo per ridurre lo stress, aiutare il recupero e migliorare il benessere mentale e fisico generale. Ci sono molteplici vantaggi nel creare questi stati umani positivi in ​​molte delle tipologie di edifici che sono importanti per le nostre vite. Oliver Heath afferma che tali benefici sono stati dimostrati da numerosi studi di ricerca negli ultimi 30 anni, in tutti i tipi di edifici.

“Gli alunni imparano meglio alla luce naturale, i pazienti si riprendono più velocemente e con meno farmaci quando possono vedere la natura e ci sono prove che la natura migliorI la produttività, la creatività e l'impegno negli uffici. Il design biofilico è un approccio basato sull'evidenza e un approccio che troppo pochi architetti e designer conoscono o apprendono quando studiano ".

Menziona gli hotel come un esempio pratico.

“Se vai in vacanza e prenoti un hotel che ha due lati, uno affacciato sulla città e l'altro sulla spiaggia, qual è il più prezioso? Bene, è abbastanza ovvio che la spiaggia è la parte che la maggior parte delle persone preferisce e per cui pagherà di più ".

Valore a lungo termine

Ovviamente, l'approccio di Oliver al design biofilico non sempre attira l'attenzione di tutti, almeno inizialmente. Incontra molte resistenze per l'incapacità di valutare adeguatamente un buon design, un'attenzione eccessiva ai costi a breve termine e la misurazione del successo di un edificio semplicemente sul rispetto di tempi e budget.

"A meno che non si intraprendano valutazioni pre e post occupazione utilizzando ricerche sia quantitative che qualitative, come potremo mai veramente comprendere il valore che i nostri edifici e il buon design possono avere su di noi e l'elemento più costoso per le aziende: il loro personale?"

Oliver sottolinea l'importanza di adottare un approccio olistico durante la ristrutturazione o la costruzione degli uffici.

"Bisognerebbe prestare attenzione al valore a lungo termine. Si tratta di attirare le persone, mantenerle produttive, felici e in salute e, assicurarsi che non vogliano andarsene. In realtà, il 90% dei costi operativi di una azienda è il suo personale. Ogni volta che un membro del personale lascia il posto di lavoro, come suggerisce la ricerca, sostituirlo costa 2,5 volte lo stipendio ".

“Per troppo tempo abbiamo adottato un approccio secondo cui il design consiste nell'esprimere l'identità aziendale, che sia potere, ricchezza o status. Ma il design biofilico ha un approccio molto più intrinseco. Ha lo scopo di aiutare le persone a essere nelle migliori condizioni possibili per svolgere i compiti richiesti - essere così felici, calmi, rilassati, creativi, comunicativi o produttivi - per aiutarli a concentrarsi e a portare a termine il loro lavoro ".

Effetti fisici e psicologici

Ci sono molti concetti e termini che ronzano intorno al business del posto di lavoro: progettazione basata sulle attività, progettazione biofilica e progettazione incentrata sull'uomo per citarne alcuni. Per un non esperto sembra che tutti questi approcci siano intrecciati e si concentrino sostanzialmente sulle stesse cose.

"Si potrebbe sostenere che il design biofilico sia una sottosezione del design incentrato sull'uomo. Con il design basato sulla biofilia, non ci sono solo benefici fisici ma anche psicologici. Se entri in un edificio e vedi una profusione di piante e vegetazione, avrai una sensazione visiva immediata: se le piante possono sopravvivere qui, forse posso anche io! E come le piante, prospererò e fiorirò".

Bombardati dal rumore

Oliver spiega l'evoluzione di tutti i nostri sensi e come essi siano collegati alla natura, non ultimo il nostro udito. Per migliaia di anni abbiamo usato le nostre orecchie per ascoltare all’aperto. Lo schiocco di un ramoscello nella foresta significa pericolo. Il suono dell'acqua che scorre riporta ad un bene vitale è a portata di mano.

“Oggi, al lavoro siamo bombardati dal rumore: traffico, telefoni, messaggi, il rumore dei tasti sulla tastiera o una conversazione nelle vicinanze. In un grande ufficio open space, non possiamo aspettarci che tutti possano farcela".

Ecco perché ottenere l'acustica giusta è assolutamente essenziale, sottolinea Oliver.

“Una cattiva acustica danneggia enormemente qualsiasi tipo di edificio. Ma è comunque l'unica cosa a cui tanti designer tendono a non pensare fino a quando il progetto non è ultimato. "

Un nuovo livello sonoro

Oltre a ottenere un’acustica ottimale e ridurre il tempo di riverberazione, Oliver e il suo team sono interessati a come si può aggiungere un altro livello di suono, un livello che ci faccia sentire bene.

“Avere una dimensione acustica positiva può essere molto utile, in particolare il suono dell'acqua. Tende a mascherare il rumore del discorso, quindi può effettivamente aiutare le persone a ridurre la distrazione e quindi a lavorare meglio, con meno stress fisico e mentale. Ma devi raddoppiare i sensi, per assicurarti che le persone possano sentire e anche vedere l'acqua. Se senti solo scorrere l'acqua, si può pensare ad un guasto. E questo può essere un problema”, ride Oliver Heath.

Grazie al design basato sulla biofilia è possibile avere persone più felici, più sane e più produttive, e da ciò deriva che dovremmo subito adottare tale tipo di progettazione.


Leggi di più sul design biofilico su oliverheath.com
O ascolta l'episodio sull'acustica biofilica su The Quiet Mark Podcast.

 

Testo: Lars Wirtén
Foto: Oliver Heath Design