Smart working e il futuro degli spazi di lavoro

La pandemia causata dal corona virus rappresenta la fine degli uffici per come li conosciamo? Probabilmente no. Ma stimolerà una tendenza già in corso di decentralizzazione e modalità di lavoro più flessibili, prevede Andy Lake, consulente degli spazi di lavoro in UK. Solleva anche un'interessante domanda: a cosa serve uno spazio di lavoro?

Interviste degli esperti Uffici

Nel 2013, il consulente britannico per il lavoro Andy Lake ha pubblicato il suo libro Smart Flexibility. Da allora ha lavorato a lungo con grandi organizzazioni aiutandole a modernizzare le loro pratiche e spazi di lavoro. Ha anche prodotto la guida sullo Smart Working per il governo centrale del Regno Unito e il British Standards PAS 3000: 2015 - Smart Working Code of Practice. Inoltre, ha collaborato con la Commissione Europea al programma Office of the Future.

Andy_300px.jpgAlla domanda sullo smart working, Andy Lake parla tanto delle pratiche lavorative quanto degli spazi di lavoro.

“Lo smart working riguarda la modernizzazione delle pratiche lavorative, l'utilizzo di nuove tecnologie e nuovi stili di spazi di lavoro. Si tratta principalmente di utilizzare pratiche di lavoro basate sulla fiducia e sulla gestione in base ai risultati. Con lo smart working si tende a fare tutto in modo più flessibile e dinamico. Ma non si tratta solo di utilizzare nuove tecnologie e un nuovo design degli spazi di lavoro. Si tratta piuttosto di cambiare completamente la natura di ciò che puoi fare. "

Abbiamo bisogno di un comune spazio di lavoro?

Il rapido sviluppo di nuove tecnologie e la digitalizzazione che abbraccia tutti gli aspetti della società, rende quasi tutto possibile in termini di organizzazione , luogo e modalità di esecuzione del lavoro. Quindi è un cambiamento di paradigma, passare da un focus sul posto di lavoro a una discussione più incentrata sul processo e sulla pratica che non dipende da premesse specifiche?

“Quando l'attuale modello di spazio di lavoro si è sviluppato nel 20 ° secolo, era molto importante concentrare persone, risorse, documenti e così via. Ma nel mondo digitale c'è un valore aggiunto nella decentralizzazione, nel trasferimento del lavoro alle persone e nella dematerializzazione, dove i prodotti diventano servizi. In questo contesto le persone possono lavorare in diverse modalità. Ciò crea la domanda e la riflessione sull'importanza di un posto di lavoro fisico? Queste riflessioni sono fondamentali. Gran parte del lavoro concettuale può essere svolto ovunque e anche molto del lavoro collaborativo sta iniziando ad essere virtualizzato. Allora, per quale motivo effettivamente abbiamo bisogno di uno spazio di lavoro? Esistono organizzazioni come WordPress con centinaia di milioni di dollari di fatturato, sparse in tutto il mondo, ma con pochi spazi dedicati al lavoro".

Spazi diversi dagli uffici

Andy Lake non crede alla morte dell'ufficio. Pensa ancora, proprio come la maggior parte di noi probabilmente, che dobbiamo riunirci in una certa misura. Ma il concetto di posto di lavoro sviluppato durante l'era industriale sta svanendo, afferma.

“Per me, questo solleva la grande domanda su quale sia l'infrastruttura sociale del lavoro nel complesso? Le persone all'interno "degli spazi di lavoro" tendono a concentrarsi esclusivamente in ufficio. Voglio dire, se molte persone lavorano da casa o da un bar, cosa possiamo dire di questi spazi? Come dovrebbero essere progettati e sottoposti a manutenzione? "

Andy Lake apre la discussione su come possiamo creare altri spazi, spazi pubblici così come nelle case, che supportino la capacità di lavorare.

"Penso che ci sia una grande questione relativa alle tendenze delle case che diventano sempre più piccole. La capacità di lavorare da casa non è ben supportata nella maggior parte delle case moderne. Se ad esempio un'attività necessita di spazi per i visitatori, manca il giusto spazio per tale attività. Nei condomini, potrebbero essere presi in considerazione centri di lavoro locali all'interno dell'edificio. Penso che gli spazi di co-working che stanno spuntando nelle città facciano parte di questa infrastruttura in evoluzione, ma è necessario fare ancora tanto. E sia i responsabili politici che gli sviluppatori devono recuperare il ritardo ".

format_quote

Se numerose persone lavorano da casa o da un bar, che dire di questi spazi? Come dovrebbero essere progettati e manutenuti?

Il Coronavirus ha rappresentato un fattore scatenante

Questa intervista si svolge alla fine di maggio 2020, nel mezzo della pandemia del corona virus, quando i paesi di tutto il mondo stavano riaprendo la società dopo diversi mesi di blocco. Twitter aveva appena dichiarato la possibilità per i propri lavoratori di poter sempre lavorare da casa, qualora lo desiderassero. Andy Lake ritiene che la pandemia del corona virus potrebbe essere un fattore scatenante che spinge in avanti tale sviluppo del lavoro.

"Penso che la pandemia abbia sbloccato tante cose nelle menti delle persone. Tradizionalmente c'è stata molta resistenza relativa allo smart working. Ma tale reistenza sta cambiando. Ciò sta dando un grande impulso alla tendenza del decentramento. Penso che Twitter sia un ottimo esempio. È certamente vero che le organizzazioni per il lavoro intelligente erano molto più preparate ad adattarsi al lavoro a distanza ".

Altre strutture esterne

In questo momento la pandemia colpisce i nostri uffici per quanto riguarda la necessità di distanziamento sociale e una minore densità di persone. Andy Lake vede questa come una fase provvisoria, ma prevede anche alcuni cambiamenti permanenti a seguito della pandemia.

“Penso che le persone richiederanno sempre più strutture per lavorare all'aperto o in spazi semi aperti . E ci saranno migliori tecnologie per le sale riunioni, con schermi più grandi e un'ottimizzazione di sistemi audiovisivi. La maggior parte delle organizzazioni è dietro la curva in questa materia e le persone stanno lottando per connettersi a distanza, sia tecnicamente sia perché la dinamica dell'incontro è impostata sulla presenza delle persone."

“Nel corso del tempo il design degli uffici si adatterà ad avere uffici più piccoli  utilizzati più intensamente, ma da un numero di persone inferiore rispetto a quello attuale. Penso vedremo tali cambiamenti nei prossimi cinque-dieci anni ".

format_quote

Penso che le persone richiederanno sempre più strutture per lavorare in spazi aperti o semi aperti, a un livello molto più alto.

Una buona acustica rappresenta un fattore chiave

Anche le questioni acustiche sono fondamentali per soddisfare questo nuovo contesto decentralizzato e dematerializzato di smart working, afferma Andy Lake.

“Il nostro obiettivo è creare luoghi ideali per lo smart working e una buona acustica è uno dei fattori chiave. Ma in genere, tale aspetto, viene trascurato quando viene progettato uno spazio di lavoro. È ancora visto come una sorta di lusso. ho visitato numerosi uffici con una terribile acustica, a cui si è cercato rimedio in un secondo momento. Ma penso che le cose stiano cambiando. È importante considerare che le persone hanno bisogno di controllare l'ambiente acustico. Il design deve muoversi verso spazi progettati per diversi tipi di attività, con diversi ambienti sensoriali, dove le persone possono fare scelte che si adattano sia all'attività che alle loro preferenze personali ".

Per concludere,probabilmente in futuro continueremo a camminare, andare in bicicletta, guidare o fare i pendolari. Ma lo faremo in tempi diversi, con numeri diversi e con scopi diversi. Il cliché dell'uomo d'affari con l'ufficio in tasca rimarrà probabilmente un cliché per un bel po '.

“L'ufficio non è arrivato al suo ultimo capitolo – sta solo mutando, dovenmendo più variegato rompnmdo delle frontiere tradizionali,” Andy Lake riassume.

 

Testo: Lars Wirtén