Home / Su Ecophon / Sicurezza antincendio

Sicurezza antincendio

Functional demands icon

In questa sessione troverai le informazioni relative ai controsoffitti sospesi, la progettazione per la sicurezza antincendio , test e classificazione.

In basso è riportata la tabella con le classi di reazione al fuoco europea per i prodotti Ecophon.

Requisiti antincendio per i controsoffitti sospesi

Le esigenze di sicurezza antincendio per i controsoffitti possono variare a seconda del tipo di ambiente o dell’edificio in cui sono installati. Si possono trovare i requisiti dettagliati nelle regolamentazioni nazionali sugli edifici. Tuttavia, è possibile identificare dei requisiti generali, che sono fondamentali per i controsoffitti sospesi nelle prime fasi di un incendio. I primi due punti dovrebbero essere considerati “obbligatori” in tutte le strutture.

  • I controsoffitti sosepsi devono contribuire minimamente allo sviluppo dell’incendio ed alla produzione del fumo. È possibile osservare tale requisito usando un controsoffitto che è realizzato con materiali e rivestimenti delle superfici che soddisfano almeno la Euroclasse B-s1, d0.

  • I controsoffitti non devono rompersi o crollare durante le prime fasi dell’incendio, in cui possono essere in corso procedure di evacuazione e di salvataggio. Per superare questo requisito un controsoffitto dovrebbe avere la capacità di resistere ad un’esposizione di calore di almeno 300°C. (La radiazione del calore da uno strato di fumi con una temperatura di 300°C corrisponde approssimativamente all’ambiente in cui può resistere un pompiere fornito di tutte le dovute attrezzature antincendio).

La sicurezza antincendio degli edifici

Lo scopo principale di un progetto per la sicurezza antincendio di un edificio è di minimizzare gli effetti e le conseguenze di un incendio evitando :

  • danni alle persone
  • limitare i danni dei materiali ed economici       
 Functional demands, Fire safety, Initial stage of fire

In un edificio in fiamme esisteun alto rischio di danni alle persone. Perconsentire l' evacuazione in sicurezza un edificio in fiamme va considerato:

  • gas antincendio
  • visibilità
  • radiazione di calore
  • temperatura

Ad es. per poter consentire l'evacuazione di un edificio , la temperatura dell'aria nelle stanze da cui le persone stanno fuggendo non dovrebbe superare gli 80° C.

 

Descrizione di un incendio in una stanza

Un incendio all'interno di una stanza può essere diviso in diverse fasi:

La fase incipiente 

La fase incipiente, o principio di incendio, dipende dalla dimensione della sorgente di accensione e le proprietà dei materiali ed oggetti direttamente interessati.

Functional demands, Fire safety, Growth phase of the fire

La fase di sviluppo

Nella fase di sviluppo l’incendio è circostanziato. Per lo sviluppo dell’incendio, un ruolo importante è quello delle caratteristiche dell’incendio rispetto ai rivestimenti di superficie.

Durante la fase di crescita , il fuoco aumenta di dimensioni e gli oggetti intorno ad esso  inizieranno a bruciare. Anche i rivestimenti superficiali  quali pareti, pavimento e soffitto vicino al fuoco possono prendere fuoco. Quantità crescenti di fumo e calore cominciano a svilupparsi  e uno strato di gas caldo iniziare a fuoriuscire dal soffitto.

Flash Over

Durante la fase di crescita può avvenire il flash over. Ciò accade quando l'intensità del fuoco è è tale da coinvolgere tutto il materiale combustibile presente nell’ambiente. Una grande quantità di calore viene rilasciato e le fiamme fuoriescono dalle finestre e dalle aperture .

In generale, il flashover si verifica quando i gas provocati dal fuoco  arrivano a raggiungere 500-600 ° C. Il calore dallo strato di gas è così intenso  in questa fase che tutti materiali combustibili prendono fuoco.

Il Flashover può verificarsi solo pochi minuti dopo l'accensione. Tuttavia, può anche essere ritardato o evitato complessivamente. Ciò potrebbe essere il caso di una stanza che ha solo una piccola quantità di arredi e dotato di rivestimenti superficiali che danno solo un trascurabile contributo allo sviluppo dell'incendio.

Dopo la fase di flashover l'incendio raggiunge il suo livello massimo ed è completamente sviluppato. La lunghezza e l'intensità del fuoco è ora determinata principalmente dalla fornitura di aria ed il carico di incendio, cioè la quantità di materiali combustibili presenti.

Functional demands, Fire safety, Flash over stage of fire

Fase di decadimento

In questa fase l'incendio si spegne.

Test e classificazione dei prodotti

Test di reazione al fuoco

I metodi per testare il comportamento in caso di incendio sono generalmente pensati per simulare le diverse fasi del processo di un incendio. Di conseguenza, prove su rivestimenti superficiali vengono condotti utilizzando fonti di incendio rappresentativo delle fasi incipienti e crescita di un incendio. Questi metodi di prova sono indicati come "reazione al fuoco". Lo scopo è quello di valutare come prodotti e materiali contribuiscono alle prime fasi di un incendio in termini di:

  • Infiammabilità

  • Propagazione della fiamma

  • Rilascio di calore

  • Produzione di fumi

  • Presenza di particelle infiammate/faville

Normalmente i test di reazione all’incendio sono eseguiti su scala piccola o intermedia.

Test di resistenza al fuoco

Tutti gli elementi costruttivi (telai per porte e finestre, divisori, ecc) che sono usati per separare i compartimenti antincendio, sono testati per vedere gli effetti nel caso di un incendio generalizzato. Questi metodi per i test cono chiamati “di resistenza al fuoco”, e sono eseguiti su scala totale. La temperatura nella fornace usata per i test segue la cosiddetta “curva del fuoco standard”, che è progettata per rappresentare un incendio generalizzato. Le proprietà che sono valutate sono:

  • Isolamento (capacità di ridurre il trasferimento di calore)

  • Integrità (capacità di evitare la fuoriuscita di fiamme e gas caldi)

  • Capacità di sopportare carichi

Gli elementi costruttivi classificati “resistenti al fuoco” rispetto all’integrità e all’isolamento sono usati come uno strumento di prevenzione, per evitare che il fuoco si propaghi tra i compartimenti antincendio.

 

Il sistema europeo - Euroclassi

In Europa, il nuovo test di reazione al fuoco ed il sistema di classificazione dei rivestimenti ed i materiali si chiama Euroclasse.

In totale ci sono 39 classi divise in 7 livelli principali, A1, A2, B, C, D, E e F, dove A1 è la migliore e F si usa per i prodotti ed i materiali non classificati.

La maggior parte delle classi principali include anche una classificazione aggiuntiva, che riguarda la produzione di fumo e la presenza di particelle infiammate/faville.

Le classi per il fumo: s1, s2, e s3, dove s1 è la migliore.

Le classi per le particelle infiammate e le faville: d0, d1 e d2, dove d0 è la migliore.

 

 

Functional demands, Fire safety

1 = Classe principale
2 = Produzione di fumo
3 = Presenza di particelle infiammate/faville

 

Nella tabella qui sotto troverete le euroclassi in base alla classificazione standard EN 13501-1 Classificazione al fuoco di prodotti ed elementi da costruzione - Parte 1 Le classificazioni utilizzano i dati di test di reazione al fuoco test.


Euroclassi
A1
 
 
A2-s1,d0
A2-s1,d1
A2-s1,d2
A2-s2,d0
A2-s2,d1
A2-s2,d2
A2-s3,d0
A2-s3,d1
A2-s3,d2
B-s1,d0
B-s1,d1
B-s1,d2
B-s2,d0
B-s2,d1
B-s2,d2
B-s3,d0
B-s3,d1
B-s3,d2
C-s1,d0
C-s1,d1
C-s1,d2
C-s2,d0
C-s2,d1
C-s2,d2
C-s3,d0
C-s3,d1
C-s3,d2
D-s1,d0
D-s1,d1
D-s1,d2
D-s2,d0
D-s2,d1
D-s2,d2
D-s3,d0
D-s3,d1
D-s3,d2
E
 
 
E-d2
 
 
F
 
 

 

Il grafico in basso mostra la relazione tra l'evoluzione dell'incendio e le classi 

 

Functional demands, Fire safety

1. Temperatura
2. Incendio generalizzato
7. Tempo
3. Inizio
4. Sviluppo
5. Incendio generalizzato
6. Indebolimento
8. Euroclassi e classe K2 10
9. Classi di resistenza al fuoco
Il grafico mostra la relazione tra il processo di incendio e le classi antincendio

 

Classi di Reazione al fuoco per i prodotti Ecophon

EUROPE
EN 13501-1
Classi
Prodotti
A2-s1,d0
Focus, Gedina, Advantage, Sombra, Master, Combison, Super G, Hygiene, Akusto
 

Contattaci

ECOPHON

Saint-Gobain PPC Italia S.p.A.

Via E. Romagnoli 6

201 46 Milano (MI)

Tel:  +39 02611 152 05

Fax: +39 02611 152 08

E-mail: ecophonitalia@saint-gobain.com

Contattaci

ECOPHON

Saint-Gobain PPC Italia S.p.A.

Via E. Romagnoli 6

201 46 Milano (MI)

Tel:  +39 02611 152 05

Fax: +39 02611 152 08

E-mail: ecophonitalia@saint-gobain.com